sabato 31 ottobre 2009




"Voy a dormir"

Dientes de flores, cofia de rocío,
manos de hierbas, tú, nodriza fina,
tenme prestas las sábanas terrosas
y el edredón de musgos escardados.
Voy a dormir, nodriza mía, acuéstame.
Ponme una lámpara a la cabecera;
una constelación; la que te guste;
todas son buenas, bájala un poquito.
Déjame sola: oyes romper los brotes...
te acuna un pie celeste desde arribay
un pájaro te traza unos compases.
para que olvides...Gracias. Ah, un encargo:
si él llama nuevamente por teléfonole
dices que no insista, que he salido

di Alfonsina Storni
"Vado a dormire"
[Denti di fiori, cuffia di rugiada,
tienimi pronte le lenzuola terrose

e la coperta di muschio cardato.
Vado a dormire, mia nutrice, mettimi giù.
Mettimi una luce al capo del letto
una costellazione; quella che ti piace;
tutte van bene; abbassala un pochino.
Lasciami sola: ascolta erompere i germogli...
mani di erba, tu, dolce balia,
un piede celeste ti culla dall'alto
e un passero ti traccia un percorso
perché dimentichi... Grazie. Ah, un incarico
se lui chiama di nuovo per telefono
digli che non insista, che sono uscita...]


22 commenti:

leone ha detto...

Qualche giorno prima di morire...In questa poesia, dolcissima nel suo struggimento, e nella quale lei ormai aspira solamente a tornare a dormire nel letto della "madre terra", non si può essere sfiorati dall'idea di autocommiserazione di una persona depressa, perchè lei poi “agisce”...Qui, a me sembra di intendere, le è rimasto poco più di un barlume di volontà.Lo si nota anche nello stile, non ricerca la rima,l'effetto musicale (di cui è maestra),non le interessa più, e poi stonerebbe. Chiede, in questi suoi versi indescrivibili, solo di raggiungere quella serenità che ha tanto cercato. E lo fa senza disturbare, a bassa voce, legandosi ai ricordi più delicati dell'infanzia...E questo verso finale,”dices que no insista,que he salido”...

Miryam ha detto...

Ho ricercato notizie su Alfonsina Storni... ho letto la sua biografia e alcune delle sue poesie.
Non ha avuto una vita facile ...anzi.. piuttosto travagliata.
E lo si nota anche dai suoi scritti .. le poesie dicono tutto.

Al mare ed al suo fondo come casa eterna, forse, pensava da tempo,
quando scrisse questo verso... semplice e bellissimo:

"In fondo al mare
c’è una casa
di cristallo"

Pur se non musicale e senza rima ...questa " Vado a dormire"
rivela tutta la sua crisi esistenziale acuitasi dopo la scoperta della malattia, che, molto probabilmente, è stata una concausa della decisione di farla finita.....e mette in rilievo la "tranquillità" con cui ha poi portato a termine la propria decisione porre fine ai suoi giorni terreni...emblematici i due versi di chiusa!
Chissà, a volte, si può anche essere "felici" di troncare la propria vita in fondo al dolcissimo mare ... alla ricerca della sua "casa di cristallo".

Struggente e profonda questa poesia.
Una delle più belle!

Un bacio Leo!

Raticulina ha detto...

Ésta fue la última poesía que escribió Alfonsina. Una despedida dulce.

Salud y alegría, Leo!

leone ha detto...

RATI!!!!!!! Dove eri sparita??? Ti ho aspettato dopo la lunga "noche".Se non c'eri tu e il tuo blog, non avrei mai conosciuto Alfonsina...che è diventata la mia poetessa preferita.Ti bacio volentieri!!

stella ha detto...

Molto commovente...

Buba ha detto...

hai fatto una speldida recensione, la poesia è bellissima.... è molto commovento sapendo poi che pochi giorni dopo l'autrice se n'è andata di sua spontanea volontà

leone ha detto...

Concordo Stella.Grazie Buba...all'inizio l'ho un pò snobbata questa poesia,anche perchè non c'era la rima( e lei ne fà di perfette) e sentivo poco la "musica".Ma poi ho letto che era stata la sua ultima poesia e allora l'ho riletta con molta più attenzione,parola per parola...Può anche darsi,azzardo, che non fosse completamente lucida o fosse solamente molto stanca o "spossata" quando l'ha scritta,forse anche un pò regredita a uno stadio di bambina.Resta il fatto che quel suo rivolgersi alla "nudriz"-natura,come alla sua balia....che le metta una "lampara" vicino alla "cabecera" del letto (di terra) e scelga una "constellacion" qualsiasi ("la que te guste") da abbassare un poco..."bajala un poquito" (...più vicina, cioè più rassicurante rispetto alle distanze siderali, che un pò sgomentano), resta il suo "saluto" finale alla vita. E strappa il cuore...Almeno a me.

Pupottina ha detto...

eheheheheehheh
accettato il bacio virtuale!
è chiaro che nel mio dare consigli c'è il vantaggio di non essere coinvolta, ma anche a me in passato ne sono capitate tante, ma non tantissime, ormai credo di essere vaccinata....adesso le mie astuzie le uso per tenere sotto controllo mio marito che è il sosia di Kevin Costner e, come capirai, ho tanto da tenere d'occhio... che ansia!!!! ;-)

buon inizio settimana

^__________^

leone ha detto...

Ma, Pupottina,allora ti consiglio di assomigliare a Nicole Kidman,se no è come come fare un numero da giocolier(a) controllando dieci palline contemporaneamente...bisogna essere sempre talentuosi e concentratissimi.Però che stress!!seppur dolce:-)))DDD.Baci.(...non è geloso virtualmente,spero...)

Vittoria A. ha detto...

Anche io l'ho trovata molto commovente! Profonda, toccante!

leone ha detto...

Grazie,Victoria...similitudini!:-)))

Pupottina ha detto...

bella anche questa. anche se senza titolo rende l'idea di un quotidiano in movimento

^_____________^

leone ha detto...

Pupottina??!!Sono molto intelligente,ma il tuo ultimo post è troppo criptico anche per me...:-)))

Pupottina ha detto...

ho letto da me nel commento il tuo aforisma... è davvero una gran verità!!!
buon mercoledì ^__________^

Pupottina ha detto...

buon weekend

^___________^

DIANA B ha detto...

Trovo questa poesia di una bellezza infinita. Dolcissima e struggente. Ha amato molto la vita Alfonsina e non teme la morte che si avvicina, desidera solamente andarsene serenamente. Ciao buona settimana Bruna

stella ha detto...

Caro Leo posso pubblicare il tuo post sulla mail? Su "stella?

leone ha detto...

Volentieri,Stella...ormai ho perso quasi ogni vergogna...:-)))

stella ha detto...

Grazie, mio prezioso.

Roberta ha detto...

I pensieri più dolci sono quelli che ti struggono il cuore...E con questa poesia ci hai fatto emozionare!
un abbraccio

leone ha detto...

Ricambio,Roberta.

leone ha detto...

Bruna,hai colto l'essenza di questa poesia, come meglio non si potrebbe.Un bacio!!