sabato 31 ottobre 2009




"Voy a dormir"

Dientes de flores, cofia de rocío,
manos de hierbas, tú, nodriza fina,
tenme prestas las sábanas terrosas
y el edredón de musgos escardados.
Voy a dormir, nodriza mía, acuéstame.
Ponme una lámpara a la cabecera;
una constelación; la que te guste;
todas son buenas, bájala un poquito.
Déjame sola: oyes romper los brotes...
te acuna un pie celeste desde arribay
un pájaro te traza unos compases.
para que olvides...Gracias. Ah, un encargo:
si él llama nuevamente por teléfonole
dices que no insista, que he salido

di Alfonsina Storni
"Vado a dormire"
[Denti di fiori, cuffia di rugiada,
tienimi pronte le lenzuola terrose

e la coperta di muschio cardato.
Vado a dormire, mia nutrice, mettimi giù.
Mettimi una luce al capo del letto
una costellazione; quella che ti piace;
tutte van bene; abbassala un pochino.
Lasciami sola: ascolta erompere i germogli...
mani di erba, tu, dolce balia,
un piede celeste ti culla dall'alto
e un passero ti traccia un percorso
perché dimentichi... Grazie. Ah, un incarico
se lui chiama di nuovo per telefono
digli che non insista, che sono uscita...]


venerdì 30 ottobre 2009


"Vida"
Mis nervios están locos, en las venas.
La sangre hierve, líquido de fuego
Salta de mis labios donde finge luego
La alegría de todas las verbenas.

Tengo deseos de reír; las penas,
Que de domar a voluntad no alego,
Hoy conmigo no juegan y yo juego
Con la tristeza azul de que están llenas.

El mundo late; toda su armonía
La siento tan vibrante que hago mía
Cuanto escancio en su trova de hechicera.
Es que abrí la ventana hace un momento

Y en las alas finísimas del viento
Me ha traído su sol la Primavera!
di Alfonsina Storni
[I miei nervi stanno impazzendo, nelle vene.
Il sangue ribolle, liquido di fuoco
Salta dalle mie labbra ove finge poi
L'allegria di tutte le sagre.
Ho il desiderio di ridere, le afflizioni,
Che da domare a volontà non dichiaro.
Oggi con me non giocano ed io gioco
Con la tristezza blu di cui esse sono piene.
Il mondo palpita; la sua armonia tutta
La sento così vibrante che la faccio mia
Quanto mescere nel suo verso d’incantatrice.
Sarà perchè ho aperto la finestra un momento fa
E nelle finissime ali del vento
mi ha portato il suo sole la Primavera!]

sabato 24 ottobre 2009




MUSICA IN ME

Musica che divampa nelle orecchie!
Travolgente!
Fuori vento freddo
Scintilla il cielo. Violazzurro
Quasi polare. Affanni...
Dimenticati nel sussurro
Della tua bocca
Rossa incandescente!
Come l'auto.Corre da te!
E sfreccia sulla carreggiata
Vuota.Lampi di cose dietro!
E il  vento radente la fiancata!
E l'entusiasmo di te che monta
Sulle note negre. All'impazzata!
Musica!  Un dio dentro la vita!
"Help me sing it ... ma ma sa
MA ma sa ma ma sa ma ma coo sa"
Uhhh uhhh uhhh!!!

  Leone

giovedì 22 ottobre 2009

"Ay, tu?"

"Sí, yo me muevo,vivo, me equivoco;
agua que corre y se entremezcla, siento
el vértigo feroz del movimiento:
huelo las selvas, tierra nueva toco.
Sí, yo me muevo, voy buscando acaso
soles, auroras, tempestad y olvido.
¿Qué haces allí misérrimo y pulido?
Eres la piedra a cuyo lado paso."

[Sì, mi muovo, vivo, mi sbaglio;
acqua che corre e si mescola, io sento
la feroce vertigine del movimento:
Sento l'odore della pioggia, nuove terre tocco.
Sì, mi muovo, sto cercando qualcosa
Soli, aurora, la tempesta e l'oblio.
Che cosa stai facendo lì, miserabile e lucido?
Tu sei la roccia, sul cui lato passo ".]

Alfonsina Storni (poetessa argentina dell'8/900)

mercoledì 14 ottobre 2009






IL VENTO
Suono
Che incanta
Primordiale
Ascolta
Sibilare
Nottetempo
Nostalgia
Dell'anima.
Ferale.
Chiede silenzio!
Ogni rumore
Disturba
La sua musica
E tace
 Smarrita
Ogni pianta
 Animale
Vita
Regna
Da sempre
La terra
  dio
Impetuoso
Arcaico
Minerale

  Leone



domenica 11 ottobre 2009




"@ mailing...@"
Chi dice certo - l'amor virtuale
Non esiste! -, ha, credo, poca fantasia.
Due stente formule di psicologia
E sei bollato da : “adolescenziale”.

Tutto inizia molto casualmente
(I blog non hanno serrature)
Un frammento tra le sue scritture
E afferri l'attimo fuggente.

E non si vede e non si sa chi sia
Quella blogista microfotografata
Ma poi ti invade una allegra follia
Timida inizialmente, poi sfacciata.

Uno scambio di mail, per cominciare
E nasce qualcosa, un desiderio
Poi tante mail e ti domandi : ӏ serio
Inviarsi sensazioni senza fare ?”  

No o si...ma l'impazienza  prende
Lavori e giri una giornata intera
Poi la morosa...che cosa intende
Fare, stare oppure no, stasera?

Va...Tu apri il terzo Larsson, lo riponi
Fino a ieri  lo divoravi quel noir
Esagerato: Lisbeth, stasera au revoir
Poco interesse per le sue investigazioni...

Apri il computer. Clicchi sulla posta
Vedi tra le mail la sua risposta
Un calore ti pervade mente e cuore
Sarà virtuale ma sembra quasi .......    :-DD       

   Leone

giovedì 8 ottobre 2009

                          

 Quell' odore

Capita che la notte
come usa fare
imperscrutabilmente
mi riporti il ricordo di lei.
Quello che non scompare
dalla mente
quello del suo respiro
sul mio viso
del suo sorriso
che lo risoffia in me.
L'odore della sua  pelle
così sofisticato
il profumo dei suoi capelli
così stupefacente...
  Come sognare un volo tra le stelle.
E i piaceri più belli
sono niente
quando sento quell' odore.
E lascio che màceri
il mio cuore
e lo riempia di lei.
Poi si allontana
ma un'altra notte torna
a farsi ricordare.      
Perchè non lo si può dimenticare 
(dedicata a Ch...)

Leone